Seguici sui Social
[t4b-ticker]

Cronaca Giudiziaria

Il medico legale conferma: la piccola Jolanda fu soffocata con un cuscino

Pubblicato

il

Bimba uccisa nel Salernitano la mamma ‘complice’ del marito incastrata dalle intercettazioni

La piccola Jolanda Passariello morì soffocata con un cuscino. La conferma, di quanto già ipotizzato nel luglio scorso dai giudici del Riesame, è arrivata dal medico legale, che ha depositato i risultati dell’autopsia svolta sul corpo della piccola di otto mesi, deceduta nella notte tra il 21 e il 22 giugno scorso, nella frazione di San Lorenzo a Sant’Egidio del Monte Albino. “Jolanda fu uccisa soffocata da un cuscino per mano del padre, Giuseppe Passariello”. Avevano scritto i giudici del Tribunale del Riesame, nelle motivazioni cheavevano portato alla conferma della custodia in carcere per il 37enne di Pagani, indagato insieme alla moglie, Immacolata Monti, per maltrattamenti e omicidio aggravato in concorso. Secondo i giudici l’uomo avrebbe ucciso la figlia nella notte tra il 21 e il 22 giugno scorso, per poi “mentire spudoratamente” su tutto. Dalla volontà di volerla curare, al tentativo di soccorrerla, fino alle sue giustifiche su quando fu trovato in stazione, a Salerno, dove “in realtà voleva fuggire, ben consapevole che una volta che i medici avessero visto il corpo martorizzato della figlia, lo avrebbero arrestato”. Il pm Roberto Lenza della Procura di Nocera Inferiore si appresta a firmare la richiesta di giudizio immediato per entrambi i genitori. L’accusa è di maltrattamenti e omicidio volontario in concorso.
Cronache della Campania@2019

Fonte

Pubblicità