Seguici sui Social

Primo Piano

A Lettere il sindaco contagiato vieta le uscite ma ma manda i torroncini a casa dei cittadini

Pubblicato

il

Cronache della Campania

Il sindaco di Lettere contagiato dal Coronavirus resta chiuso in casa, come i suoi concittadini positivi al test. Ma, per consolarli, gli invia una scatola di torroncini.
 
E’ questa l’iniziativa che ha assunto Sebastiano Giordano, sindaco di Lettere, piccolo Comune dei Monti Lattari, che con ordinanza ha vietato non solo l’apertura del Cimitero, ma anche di trascorre le giornate dell’1 e 2 novembre in giro per i sentieri montani. Ma, ha addolcito i suoi diktat inviando dolci a casa di chi sta trascorrendo la quarantena, perche’ positivo al tampone del Covid-19.
I cittadini di Lettere costretti a restare confinati nella propria abitazione si sono visti recapitare, un piccolo vassoio infiocchettato, con un bigliettino firmato dal sindaco: ”Che la festivita’ di Ognissanti ci aiuti a superare questa emergenza sanitaria. Un saluto affettuoso, Nino Giordano”.
Nei Comuni dell’ hinterland di Castellammare di Stabia e’ tradizione che nelle festivita’ della commemorazione dei defunti siano i fidanzati a regalare i torroni morbidi alle fidanzate. Una tradizione che ha sviluppato una importante pasticceria e che ormai e’ diventata appannaggio di tutte le tavole nei giorni dei Defunti.

Tags: sebastiano giordano, sindacodi lettere, torroncini

Continua la lettura di A Lettere il sindaco contagiato vieta le uscite ma ma manda i torroncini a casa dei cittadini su Cronache della Campania
Cronache della Campania@2016-2020

Fonte

Pubblicità

Pubblicità