Seguici sui Social

Primo Piano

I legali di Maradona accusano: ‘Perché è stato diffuso il video sull’eredità’

Pubblicato

il

I legali di Maradona accusano: ‘Perché è stato diffuso il video sull’eredità’

I legali di Maradona accusano: ‘Perché è stato diffuso il video sull’eredità’.
Identificare e indagare le persone che erano in compagnia di Diego Armando Maradona quando sono stati girati i video, diventati virali, in cui il “pibe de oro” si scaglia contro le figlie e in cui manifesta le sue volonta’ testamentarie.
A chiederlo, agli organismi inquirenti di Dubai, Argentina e anche di altri paesi in cui campione argentino ha vissuto, sono gli avvocati napoletani Angelo e Sergio Pisani che ritengono fondamentale “identificare chi girava quei video, chi era insieme al campione dall’altra parte della telecamera” ma soprattutto ritengo sia determinante “capire chi e perche’ diffondeva quelle immagini”. “Per quale scopo, economico o comunicativo, – si domandano gli avvocati – quelle persone facevano diventare virali i videomessaggi sui social. Erano in possesso delle necessarie autorizzazioni, del consenso del pibe – continuano – previsti tassativamente dalla legge soprattutto alla luce delle palesi ed evidenti gravi condizioni di salute psicofisica in cui si trovava Maradona?”.
foto da alphabetcity.it
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:Maradona, continuano le liti per l’eredità tra i familiari del Pibe
In sostanza, continuano gli avvocati, “e’ possibile la circonvenzione di incapace. Maradona – secondo i due legali – non era in grado di comprendere il ritorno negativo e i danni della pubblicazione dei video”. Angelo e Sergio Pisani chiedono che vengano “accertati e valutati eventuali interessi e guadagni sul numero di visualizzazioni dei video virali e/o gli scopi e gli obiettivi di coloro che hanno diffuso quelle immagini in violazione alla privacy, diffuse in danno di Maradona”.

Tags: Eredità, figlie, maradona, pisani

Completa la lettura di I legali di Maradona accusano: ‘Perché è stato diffuso il video sull’eredità’
Cronache della Campania@2015-2020

Fonte

Pubblicità

Pubblicità