Dario Federico, boss latitante: “Marina di Stabia, il mio feudo” – Cronache della Campania

Il boss Dario Federico, noto come Dariuccio, è latitante per associazione mafiosa e estorsione e ha preso il controllo del Porto di Marina di Stabia a Castellammare di Stabia. È uscito dal carcere nel 2020 ed ha ricostruito la sua cerchia criminale, organizzando un affare lucroso attraverso la società Tremar srl, con sede a Pompei, intestata alle figlie, per il noleggio di barche e gommoni.

Nel 2022, Federico ha conquistato il porto con un raid criminale, coinvolgendo i suoi fedelissimi. Il raid è stato ricostruito grazie ad intercettazioni, e ha visto la partecipazione di numerose persone. Durante il raid, Federico ha minacciato il responsabile del porto, costringendolo a cedere posti barca a un prezzo di favore e a concedere un posto barca gratuito per evitare ritorsioni.

Federico si vantava di aver conquistato il porto e di essere in grado di gestire due pontili a suo piacimento. Aveva ottenuto benzina a prezzi scontati per le sue barche e aveva la possibilità di bloccare l’accesso alle barche di altre società per favorire le sue.

Dopo il raid, Federico aveva pubblicizzato sui social media i posti barca a Marina di Stabia e il noleggio dei suoi gommoni. Anche altri membri dell’organizzazione criminale mostravano soddisfazione per il successo del raid e ironizzavano sulla situazione in videochiamate. La Procura di Salerno ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare contro 43 persone coinvolte nell’associazione camorristica e nell’estorsione, tra cui Dario Federico.

Fonte

Ultime News

TI POTREBBE INTERESSARE
NEWS

Chiesti sei ergastoli per i boss dell’organizzazione criminale di Gomorra per otto omicidi commessi.

Processo contro i boss della seconda faida di Scampia Nel...

Scimmia e violenze in carcere: la mia testimonianza contro gli abusi

Violenze nel carcere: le testimonianze al maxi-processo Proseguono le testimonianze...

Processo per estorsione a Gennaro Morgillo, uomo che uccise il padre vittima della Camorra: chiesto il giudizio.

Accusa di estorsione ai danni di Francesco D’Angelo Il ras...

Napoli: droga in carcere tramite droni, ai domiciliari sospettato Alessandro Iuliano.

La decisione del Tribunale del Riesame Il Tribunale del Riesame...