Gratteri: ‘Ndrangheta voleva uccidere figlio in finto incidente – Cronache Campania

Nicola Gratteri, procuratore capo di Napoli, ha recentemente fatto una rivelazione scioccante a La Confessione di Peter Gomez: l’ndrangheta ha organizzato un finto incidente stradale con l’intento di uccidere suo figlio. Questo non è il primo tentativo di attentato contro Gratteri o i suoi familiari. La moglie di Gratteri è stata minacciata in passato con un messaggio scritto sulla porta di casa, ma anche i suoi figli sono stati nel mirino della ‘ndrangheta.

Nel 2016, due finti poliziotti hanno tentato di entrare nell’appartamento del figlio maggiore a Messina, mentre il figlio minore è stato oggetto di un finto incidente stradale organizzato da esponenti della ‘ndrangheta detenuti nel carcere di Reggio Calabria. Fortunatamente, tutti i tentativi di attentato sono falliti.

Gratteri ha ammesso che entrambi i suoi figli sono stati messi sotto scorta a seguito di questi eventi, creando così una grande tensione in famiglia. Questi incidenti mettono in evidenza la ferocia e la determinazione della ‘ndrangheta, che non esita a colpire anche i familiari dei suoi nemici.

Fonte

Ultime News

TI POTREBBE INTERESSARE
NEWS

Chiesti sei ergastoli per i boss dell’organizzazione criminale di Gomorra per otto omicidi commessi.

Processo contro i boss della seconda faida di Scampia Nel...

Scimmia e violenze in carcere: la mia testimonianza contro gli abusi

Violenze nel carcere: le testimonianze al maxi-processo Proseguono le testimonianze...

Processo per estorsione a Gennaro Morgillo, uomo che uccise il padre vittima della Camorra: chiesto il giudizio.

Accusa di estorsione ai danni di Francesco D’Angelo Il ras...

Napoli: droga in carcere tramite droni, ai domiciliari sospettato Alessandro Iuliano.

La decisione del Tribunale del Riesame Il Tribunale del Riesame...