Napoli: Vigilante di San Giovanni, taglia gola alla moglie e si suicida-Cronache della Campania

Raffaele Pinto, 54 anni, guardia giurata di professione, è stato protagonista di un tragico evento nel suo appartamento di via Raffaele Testa a San Giovanni a Teduccio, uccidendo la moglie Eva Kaminsha tagliandole la gola e poi suicidandosi.

Le forze dell’ordine hanno fatto irruzione nell’appartamento intorno a mezzogiorno di oggi, trovando i due corpi senza vita all’interno della camera da letto. Dopo oltre tre ore di trattative, è stata presa la decisione di fare irruzione quando è calato il silenzio e il sospetto che l’uomo si fosse suicidato si è rivelato vero.

La situazione di caos a San Giovanni a Teduccio è iniziata quando Pinto si è affacciato alla finestra di casa, urlando e sparando in aria. Le volanti della polizia sono arrivate sul posto contro le quali l’uomo ha sparato, confessando di aver ucciso la moglie e di volersi suicidare. Un negoziatore è poi intervenuto.

Le strade intorno a via Raffaele Testa sono state isolate e i cittadini sono stati invitati a non uscire di casa. Dei tre figli della coppia, due erano a scuola e il terzo in gita con la classe.

Secondo alcuni vicini, la famiglia Pinto non aveva mai dato problemi in passato e Raffaele era stato una persona tranquilla. In precedenza aveva lavorato come guardia giurata ma aveva perso il lavoro a causa di un tentativo di furto della sua pistola.

La coppia lascia tre figli e la tragedia ha sconvolto l’intero quartiere.

Fonte

Ultime News

TI POTREBBE INTERESSARE
NEWS

Napoli: processo all’ex Garante dei detenuti Pietro Ioia, concessione attenuanti generiche

Confermate le accuse di corruzione e cessione di stupefacenti La...

Ex killer pentito arrestato a Roma, chiuse indagini sull’omicidio di Siani.

Arrestato ex killer e camorrista pentito a Roma Salvatore Migliorino,...

Chiesti sei ergastoli per i boss dell’organizzazione criminale di Gomorra per otto omicidi commessi.

Processo contro i boss della seconda faida di Scampia Nel...

Scimmia e violenze in carcere: la mia testimonianza contro gli abusi

Violenze nel carcere: le testimonianze al maxi-processo Proseguono le testimonianze...