Pentito Tamburrino: “Tina Rispoli capo clan Marino” – Cronache della Campania

Napoli è al centro dell’attenzione per la presenza di Tina Rispoli, la moglie del cantante Tony Colombo, che è stata nominata capo del clan Marino dopo la morte del marito Gaetano, conosciuto come ‘moncherino’. I giudici del Riesame hanno stabilito che Tina Rispoli non può beneficiare degli arresti domiciliari o della libertà perché ha un ruolo di leadership nella gestione della cosca.

L’arresto di Tina Rispoli è stato motivato dai giudici del tribunale della libertà, che hanno ripercorso la sua vita criminale e hanno basato la loro decisione sulla testimonianza del pentito Salvatore Tamburrino, che ha confermato la sua affidabilità con l’arresto di Marco Di Lauro, figlio di Ciruzzo ‘o milionario e ex reggente del clan di camorra di Secondigliano.

Le dichiarazioni di Tamburrino hanno fornito al pm antimafia Maurizio De Marco un quadro completo delle dinamiche del clan che gestiva la più grande piazza di spaccio d’Europa, con l’accusa contestata a Tina Rispoli di concorso esterno in associazione mafiosa. Il clan Marino, in precedenza guidato dal marito di Rispoli e dal fratello Gennaro, è al centro delle indagini per la gestione di una lucrosa piazza di spaccio nelle “Case Celesti” di Secondigliano.

Secondo i giudici del Riesame, Tina Rispoli avrebbe ereditato ingenti ricchezze dal marito defunto, Gaetano Marino, e sarebbe dotata di un’intensa capacità criminale. La donna è stata arrestata insieme al marito Tony Colombo e a Vincenzo Di Lauro nell’ambito di un’indagine delle forze dell’ordine di Napoli coordinata dall’ufficio inquirente ora retto dal procuratore Nicola Gratteri.

Fonte

Ultime News

TI POTREBBE INTERESSARE
NEWS

Napoli: processo all’ex Garante dei detenuti Pietro Ioia, concessione attenuanti generiche

Confermate le accuse di corruzione e cessione di stupefacenti La...

Ex killer pentito arrestato a Roma, chiuse indagini sull’omicidio di Siani.

Arrestato ex killer e camorrista pentito a Roma Salvatore Migliorino,...

Chiesti sei ergastoli per i boss dell’organizzazione criminale di Gomorra per otto omicidi commessi.

Processo contro i boss della seconda faida di Scampia Nel...

Scimmia e violenze in carcere: la mia testimonianza contro gli abusi

Violenze nel carcere: le testimonianze al maxi-processo Proseguono le testimonianze...