Scoperti telefoni e droga nella cella del boss ad Avellino – Cronache della Campania

La polizia penitenziaria ha condotto una perquisizione straordinaria nella cella di un capo della camorra presso il carcere di Avellino. Durante la perquisizione sono stati scoperti dieci nuovi telefoni ancora incelofanati, cinque microfoni e trenta grammi di una sostanza sospetta, probabilmente cocaina. Questo ritrovamento mette in luce la mancanza di sicurezza e legalità all’interno della struttura penitenziaria, dimostrando la presenza continua di situazioni a rischio.

Il segretario generale dell’OSAPP-Polizia Penitenziaria, Leo Beneduci, ha sottolineato la necessità di rafforzare gli organici e gli strumenti di lavoro e di tutela per il Corpo di Polizia penitenziaria, così come la riorganizzazione della politica penitenziaria nazionale. Ha anche evidenziato la mancanza di attenzione verso la popolazione detenuta, definendola completamente fallimentare.

Di fronte a situazioni come questa, si rende necessario un intervento nelle infrastrutture penitenziarie a rischio su tutto il territorio nazionale, al fine di garantire la sicurezza e la legalità sia all’interno che all’esterno delle strutture carcerarie.

Fonte

Ultime News

TI POTREBBE INTERESSARE
NEWS

Napoli: processo all’ex Garante dei detenuti Pietro Ioia, concessione attenuanti generiche

Confermate le accuse di corruzione e cessione di stupefacenti La...

Ex killer pentito arrestato a Roma, chiuse indagini sull’omicidio di Siani.

Arrestato ex killer e camorrista pentito a Roma Salvatore Migliorino,...

Chiesti sei ergastoli per i boss dell’organizzazione criminale di Gomorra per otto omicidi commessi.

Processo contro i boss della seconda faida di Scampia Nel...

Scimmia e violenze in carcere: la mia testimonianza contro gli abusi

Violenze nel carcere: le testimonianze al maxi-processo Proseguono le testimonianze...