Follia in largo San Giovanni Maggiore, baby gang scatenata mette in fuga i presenti con urla e atti di teppismo

Data:

“Una malcapitata cittadina ci ha segnalato un video che mostra la follia di una baby gang che la donna ha avuto la sfortuna di incrociare, nella tarda serata di lunedì, in largo San Giovanni Maggiore, dinanzi Palazzo Giusso, storica sede dell’Università Orientale. I gruppetto di ragazzini ha messo in fuga i presenti attraverso una serie di comportamenti ben oltre il limite della decenza. Oltre a tentativi di arrampicamento sui lampioni e urla il gruppetto ha iniziato a ribaltare i cassonetti dell’immondizia, riversando il contenuto sulla pavimentazione della piazza. Un atteggiamento teppistico e intimidatorio che ha convinto i turisti e i napoletani che si trovavano sul posto a spostarsi altrove”. Lo rendono noto il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il consigliere del Sole che Ride alla II Municipalità Salvatore Iodice. “La situazione al centro storico è fuori controllo. Vandalismo e delinquenza hanno superato il livello di guardia. Oramai aggirarsi in zona durante le ore serali è diventato pericoloso a causa dei rischi legati a vandalismo e criminalità. Speriamo che il ministero dell’Interno si decida finalmente a inviare i rinforzi necessari per permettere alla polizia di fronteggiare in maniera efficace i fenomeni di illegalità che caratterizzano l’area”.
 

Teppisti San Giovanni Maggiore
Follia in largo San Giovanni Maggiore, baby gang scatenata mette in fuga i presenti con urla e atti di teppismo. #Verdi: “Situazione fuori controllo al centro storico, vandalismo e delinquenza hanno superato il livello di guardia”“Una malcapitata cittadina ci ha segnalato un video che mostra la follia di una baby gang che la donna ha avuto la sfortuna di incrociare, nella tarda serata di lunedì, in largo San Giovanni Maggiore, dinanzi Palazzo Giusso, storica sede dell’Università Orientale. I gruppetto di ragazzini ha messo in fuga i presenti attraverso una serie di comportamenti ben oltre il limite della decenza. Oltre a tentativi di arrampicamento sui lampioni e urla il gruppetto ha iniziato a ribaltare i cassonetti dell’immondizia, riversando il contenuto sulla pavimentazione della piazza. Un atteggiamento teppistico e intimidatorio che ha convinto i turisti e i napoletani che si trovavano sul posto a spostarsi altrove”. Lo rendono noto il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il consigliere del Sole che Ride alla II Municipalità Salvatore Iodice. “La situazione al centro storico è fuori controllo. Vandalismo e delinquenza hanno superato il livello di guardia. Oramai aggirarsi in zona durante le ore serali è diventato pericoloso a causa dei rischi legati a vandalismo e criminalità. Speriamo che il ministero dell’Interno si decida finalmente a inviare i rinforzi necessari per permettere alla polizia di fronteggiare in maniera efficace i fenomeni di illegalità che caratterizzano l’area”.
Publiée par Francesco Emilio Borrelli sur Mardi 3 septembre 2019

Cronache della Campania@2019

Fonte

CONDIVIDI :

Più letti

TI POTREBBE INTERESSARE
LEGGI

Omicidio Genny Cesarano: il killer fu Gianluca Annunziata

Potrebbe essere stato  Gianluca Annunziata, 31 anni, l’ultimo dei...

Processo Isochimica, oggi dopo 30 anni arriva la sentenza

processo isochimicaprocesso isochimica

#ProcessoIsochimica, oggi dopo 30 anni arriva la #sentenza. Il fallimento dichiarato dal tribunale di Avellino risale al 1990

Processo Isochimica, oggi dopo 30 anni arriva la sentenza di Gustavo Gentile / Cronache della Campania

Spari alla Pastrengo e devastazione al Pellegrini: condannati familiari e amici di Ugo Russo

ugo russo condannati familiariugo russo condannati familiari

Il Tribunale di Napoli ha inflitto condanne complessive per oltre 30 anni di carcere per familiari e amici di Ugo Russo, il baby rapinatore dei Quartieri ucciso nel corso di un conflitto a fuoco con i carabinieri

Spari alla Pastrengo e devastazione al Pellegrini: condannati familiari e amici di Ugo Russo di Redazione Cronache / Cronache della Campania

Camorra, arrestato a Ponticelli elemento di spicco del clan De Martino

Camorra, i carabinieri arrestano a Ponticelli un elemento di...