Seguici sui Social

Cronaca

Natale al Teatro Sannazaro: fino al 6 gennaio tanti appuntamenti tra tradizione e innovazione

Pubblicato

il

Un Natale ricco di appuntamenti al teatro Sannazaro, si parte venerdì 20 dicembre alle 21.00 con l’atteso ritorno del Cafè Chantant – Vinyl Shake, di e con Lara Sansone, in cartellone, in una nuova e scintillante veste fino al 6 gennaio, con Corrado Ardone, Massimo Peluso, Mario Aterrano, e con l’Orchestra ed il Balletto del Cafè Chantant. Le maestose coreografie di Alessandro di Napoli e la musica scritta e diretta da Ettore Gatta. Una successione imprevedibile e mai uguale di performance di teatro, musica, danza e cabaret avvolge una platea non più fatta di belle poltrone messe in ordinata fila, ma di tavoli, sedie, calici e spuntini.
Sabato 21 alle 18.00, con repliche fino al 2 gennaio, debutta After the end di Dennis Kelly, diretto da Francesco Saponaro, con Eduardo Scarpetta e Denise Capezza negli spazi che de La Sartoria, spazio storico in cui si creavano e si conservavano i costumi di scena delle produzioni di Luisa Conte. La regia, concentrandosi sul lavoro con gli attori e su un particolare impianto scenico, sviluppa uno spettacolo site-specific che amplifica la dimensione claustrofobica del testo ed elimina la distanza tra attore e spettatore.
La Sartoria da due anni è diventato un luogo di grande fermento lavorativo sotto la direzione di Francesco Saponaro, mettendolo a disposizione di compagnie, registi e attori, come spazio per prove, sperimentazione, lavori laboratoriali, che approdano a una proposta di spettacolo. After the end nasce come studio per una messinscena nella stagione 2018/19 per La Sartoria-Cantiere Residenze del Teatro Sannazaro, grazie alle sollecitazioni creative dei due protagonisti.
Mercoledì 25 dicembre alle 20.30 (repliche 30 dicembre e 1 gennaio) il Sannazaro festeggia il Natale con l’irriverente e scostumatissima tombola di Gino Curcione protagonista dello spettacolo storico Nummere.
“La Tradizione e Turismo centro di produzione teatrale, nel periodo natalizio esprime al meglio il progetto pensato per il teatro Sannazaro ed il suo nuovo corso.” – Spiega la direttrice artistica Lara Sansone – “Infatti per il periodo delle feste, solitamente dedicato alla tradizione di cui da sempre siamo grande punto di riferimento per napoletani e turisti, con il consueto ed attesissimo appuntamento con il Cafè Chantant, quest’anno in una versione Vinyl Shake, abbiamo pensato di proporre uno spettacolo di nuova drammaturgia da replicarsi nella suggestiva cornice dello spazio Sartoria, After the end di Dennis Kelly con la traduzione di Monica Nappo. Ed ancora tradizione, con la fortunata tombola Nummere di Gino Curcione. Tradizione ed innovazione, divertimento e riflessione in questo nuovo percorso particolarmente ricco del teatro Sannazaro che diventa sempre di più un punto di riferimento per un pubblico sempre diverso. Il Cafè Chantant che ormai replica da molti anni, non è solo una grande festa spettacolo. Il Cafè Chantant è un modo di fare teatro, di giocare con gli stereotipi, con le citazioni, con le dissacrazioni, con i ricordi. Il pubblico viene coinvolto in una incredibile macchina teatrale totale in cui è bandita la separazione tra artisti e spettatori. Un’antica tradizione rinnovata ogni anno in forme diverse ed al passo con i tempi, perché l’originario Cafè Chantant non parlava mai al passato, ma sempre al presente ed al futuro.”
Tre produzioni del Sannazaro con cui il teatro offre una variegata proposta di spettacoli all’insegna della grande tradizione con un’apertura all’innovazione, cogliendo il segno più profondo e fecondo della storia del teatro Napoletano.
Cronache della Campania@2019

Fonte

Pubblicità