Seguici sui Social

Primo Piano

‘Hammamet’ ovvero la solitudine del ‘numero Uno’

Pubblicato

il

‘Hammamet’ ovvero la solitudine del ‘numero Uno’

Era la prima del film “Hammamet” di Gianni
Amelio di cui in questi giorni stanno parlando tutti i giornali, riportando ancora
una volta alla ribalta la figura di Bettino Craxi, discussa e controversa
quanto si vuole, ma certamente grande, anzi grandiosa nella sua tragica
parabola.  La prima del film si dava in
contemporanea nelle sale cinematografiche di tutta Italia lo scorso 9 gennaio.
Mi sono quindi sentito in dovere di precipitarmi a vedere lo spettacolo. L’ho
fatto da cronista in primis, ma anche ex militante socialista ed ex Craxiano,
anzi per meglio dire, da Craxiano convinto oggi più di ieri, per quel che può
valere.  

Ho scelto di andare a Torre annunziata nel
vecchio Cinema Politeama che ancora oggi sopravvive nonostante il calo degli
spettatori nei Cinema d’antan. Ho preferito lo spettacolo delle venti, perché
mi sembrava il più idoneo ad accogliere persone che, come me, si consentivano
una serata di cinema in un venerdì infrasettimanale, dopo la scorpacciata delle
festività natalizie che – imperversando per una quindicina di giorni di seguito
– lasciano più o meno in tutti scorie e chili di troppo.

Una mia segreta speranza, peraltro
plausibile e innocente, era quella di ritrovare sicuramente tanti “volti della
memoria” cioè incontrare vecchi amici o semplici conoscenti, una volta giovani
militanti come me nel Partito Socialista Italiano, il PSI. E in effetti il Partito
Socialista negli anni di Craxi a Torre Annunziata registrava particolari vette
di consenso, crescenti con l’onda lunga socialista preconizzata da Craxi, ma
mai concretizzatasi realmente. A livello nazionale infatti il PSI craxiano ha
mai superato il tetto del 15% di consensi. E il suo picco assoluto fu il 14,3%
dell’anno 1987, sempre imperante Craxi.

Pubblicità

Nella città di Torre Annunziata invece si
registravano nelle varie competizioni elettorali picchi percentuali di voti
socialisti assolutamente infrequenti nel resto d’Italia, compresa la craxiana
“Milano da bere”. A Torre Annunziata i dati elettorali del PSI craxiano erano
tutti e sempre a doppia cifra. Ben piantati e veleggianti intorno al venti per
cento, con vette di consensi che arrivarono intorno al 25% e oltre, se la
memoria mi sorregge. Da ciò scaturirono per il PSI di Torre Annunziata
riconoscimenti politici che portarono alla carica di Sindaco, in fasi
successive, almeno cinque o sei rappresentanti del PSI. E una pletora di
assessori scelti nella marea crescente di consiglieri comunali socialisti.
Insomma un bottino importante per una città che intanto affondava tra camorra e
disoccupazione. Si poteva insomma pensare ad una folta presenza di ex militanti
socialisti, almeno quelli, alla prima del film Hammamet di Amelio che narrava
gli ultimi mesi di vita del più grande leader socialista italiano di sempre.

Sono perciò arrivato trafelato al
botteghino del Cinema Politeama giusto in orario, temendo di non trovar posto.
Non ho visto alcuna fila e ho dunque pensato che per una volta si fossero tutti
accomodati nella sala per tempo. Acquistato il biglietto al botteghino, l’ho
fatto staccare al controllo e, prima di entrare in sala al buio, ho dato uno
sguardo, distratto ma interessato, al piccolo bar, già pregustando la bibita
che avrei consumato nell’intervallo. Poi mi sono immerso nel buio della grande
sala, munita di alcune centinaia di poltrone. Appena gli occhi si sono adattati
alla oscurità, mentre già scorrevano sullo schermo le prime immagini del film –
con Francesco Savino fotocopia quasi perfetta di Bettino Craxi – mi sono girato
intorno per rendermi conto di quanta gente fosse con me a cinema. Uno sforzo
prolungato e vano il mio. Uno sforzo ripetuto senza successo più volte. Ogni
volta che il lucore delle immagini del film mi consentivano di affondare lo
sguardo nella penombra suggestiva tipica delle sale cinematografiche. Ma
niente. Niente di niente. Incredulo, mi sono dovuto rassegnare. Ero l’unico e
solo spettatore.

Altro che volti della memoria, altro che ex Sindaci e Assessori e Consiglieri socialisti. Tutti, dico tutti, nessuno escluso, assenti. Dileguatisi. Così come fecero venti anni fa i Pretoriani, i Capicorrente, i Capibastone, i Nani e le Ballerine che coralmente osannanti vivevano come caudatari alla corte munifica di re Bettino Craxi, lasciato poi solo a morire ad Hammamet tra pochi fedelissimi e i familiari. Non da “leader”, ma da “lader”. Forse gli assenti avevano il timore di guardarsi e rivedersi nello specchio. Una cosa è certa: ora Bettino è davvero solo. Gli assenti lo hanno sepolto per sempre, negandogli perfino il diritto alla memoria.

Pubblicità

Federico L.I.Federico
Cronache della Campania@2019

Fonte

Pubblicità