Seguici sui Social

Cronaca

Whirlpool: tensione operai-polizia sull’ autostrada A3

Pubblicato

il

Whirlpool: tensione operai-polizia sull’ autostrada A3


Momenti di tensione si sono avuti con le forze dell’Ordine durante la protesta degli operai della Whirlpool NAPOLI. I lavoratori della multinazionale Usa, dopo aver percorso via Argine, hanno raggiunto la rampa di accesso dell’autostrada A3, all’altezza dell’uscita di San Giovanni a Teduccio. E’ qui che tra operai e polizia si sono fronteggiati con spintoni ed accenni di carica. Poi i lavoratori sono rientrati in ordine sparso in fabbrica. L’ assemblea in fabbrica e’ stata convocata ieri. “Si torna a far cresce la tensione su una vertenza lavorativa lontana dalle conclusioni”, affermano i lavoratori. Pesa lo spettro della cassa integrazione che sta per scadere. “Non c’e’ nessuna volonta’ di garantire un futuro al sito produttivo di Napoli”, che conta 450 dipendenti diretti oltre all’ indotto. “Non vogliamo assistenzialismo – affermano gli operai – vogliamo il rispetto degli Accordi ministeriali, degli italiani, del lavoro”. “Whirlpool” – secondo fonti sindacali – avrebbe comunicato all’ Autorita’ di Borsa USA, nell’ottobre scorso, la volonta’ di dismettere il sito di Napoli entro marzo 2020. “Il ministro Patuanelli non puo’ venir meno all’impegno preso di riconvocare le parti per il 20 gennaio. Se ha bisogno di altri giorni non sara’ questo il problema ma deve rispondere celermente a un’attesa dei lavoratori che non possono rimanere in uno stato di esasperazione”. Lo dice il segretario generale della Uil Campania, Giovanni Sgambati, in merito alla vertenza Whirlpool.
Cronache della Campania@2019

Fonte

Pubblicità