Coronavirus, il medico del Napoli: ‘Difficile la trasferta contro la Juve

Coronavirus, il medico del Napoli: ‘Difficile la trasferta contro la Juve’
“L’attenzione e’ massima e con le risposte del secondo tampone attese sabato sara’ difficile organizzare la trasferta in casa della Juventus”. Lo ha detto a Radio Marte Vincenzo Mirone, professoreo di Urologia nell’Universita’ Federico II, responsabile scientifico degli screening covid19 per lo staff ed i giocatori del Napoli. “La preoccupazione – ha spiegato – e’ notevole, durante la partita, con il Genoa ci sono stati dei faccia a faccia, come tra Osimhen e Masiello. Dopo il primo tampone potremmo gia’ avere delle notizie, decisivo pero’ sara’ quello di sabato”. ( Dopo il primo giro di tamponi di oggi, il Napoli “avra’ le risposte domani, poi venerdi’ avremo un altro giro di tamponi, con risposte il sabato”, ha spiegato a Radio Marte Mirone. Il medico ha commentato anche la dicitura “debolmente positivo” usata per il genoano Schone: “Fa un po’ discutere – ha detto – questa dicitura, non abbiamo bene capito. I tamponi sono estremamente precisi, e’ una situazione ambigua. C’e’ carica alta e bassa ma il problema e’ evitare il positivo. Poi quello che conta e’ il secondo tampone, almeno da noi e con la nostra virologia. In questo caso per il Napoli sara’ quindi importante il tampone di venerdi’. Il laboratorio di Genova puo’ aver sbagliato? Puo’ accadere come hanno detto anche i virologi, ma anche il dubbio deve stimolare certezze, specie quando parliamo di partite di calcio e atleti. Ecco perche’ e’ fondamentale il doppio tampone a distanza ravvicinata”. Sulla situazione del calcio e del rischio per i giocatori, Mirone afferma. “A questo punto dovremmo metterli tutti in quarantena e cosi’ non riparte il campionato. Il rischio e’ lo stesso di chi riapre dal lockdown. O si interrompe il campionato oppure si fanno lockdown mirati che pero’ distruggerebbero anche l’economia calcio. Per il pubblico e’ evidente che aprire uno stadio al 25% delle persone e’ una follia. I problemi sono all’ingresso e all’uscita. Come si fanno a fermare 15.000 tifosi davanti al San Paolo? Difendiamo il calcio e aprire gli stadi non e’ la cosa giusta”.

Completa la lettura di Coronavirus, il medico del Napoli: ‘Difficile la trasferta contro la Juve
Cronache della Campania@2016-2020

Fonte

Ultime News

TI POTREBBE INTERESSARE
NEWS

Capri, con la droga nello zaino: 3 giovani fermati

Capri, controlli dei Carabinieri. Monitoraggio dei turisti per estate...

Napoli, dona rene alla mamma per scongiurare la dialisi

Napoli, dona rene alla mamma per scongiurare la dialisi....

Casoria, amianto abbandonato in strada: 2 denunciati

Casoria, amianto abbandonato in strada da 2 giovanissimi. Denunciati...

Scoperti 38 lavoratori in nero tra Napoli e procincia

Nel quadro di una più ampia intensificazione degli interventi...