Seguici sui Social

Cronaca Giudiziaria

Rider aggredito a Napoli: pene dure anche in appello per i maggiorenni

Pubblicato

il

Dure condanne, anche in secondo grado, per i due giovani maggiorenni ritenuti responsabili di avere derubato, il 2 gennaio 2021, a NAPOLI, lo scooter al rider Gianni Lanciato: la seconda sezione della Corte di Appello di NAPOLI ha confermato i dieci anni di reclusione inflitti Vincenzo Zimbetti e Michele Spinelli dal gup di NAPOLI Nord al termine di un processo celebrato con il rito abbreviato. Zimbetti e Spinelli sono stati difesi, rispettivamente, dagli avvocati Giovanna Cacciapuoti e Francesco Buonaiuto, e dai colleghi Diego Abate e Carlo Bianco.

La sentenza, secondo i legali di Zimbetti, gli avvocati Cacciapuoti e Buonaiuto, “e’ particolarmente severa e non concede sconto alcuno ai due ragazzi, nonostante la loro giovane eta’ e il ravvedimento manifestato con la confessione, una lettera di scuse e anche attraverso il risarcimento dei danni, che ha portato alla revoca della costituzione di parte civile da parte della vittima”.

“Come sempre, – sottolineano Cacciapuoti e Buonaiuto – rispettiamo le decisioni dei magistrati, ma riteniamo che una condanna cosi’ severa tradisca la funzione rieducativa della pena che costituisce un fondamento del nostro ordinamento penale, specie quando si tratta di imputati cosi’ giovani”.

Pubblicità

Nell’aggressione al rider parteciparono anche dei minorenni: a tre giovani i giudici del Tribunale per i Minori hanno inflitto una condanna molto piu’ mite, 4 anni e 3 mesi mentre per al quarto la pena e’ stata ridotta a 3 anni e 4 mesi in quanto non avrebbe preso parte a un’altra analoga rapina che ha preceduto quella al rider.

Rider aggredito a Napoli: pene dure anche in appello per i maggiorenni di A. Carlino / Cronache della Campania

Pubblicità

Pubblicità