Seguici sui Social

Cronaca Giudiziaria

Caserta, scarcerato il boss Gennaro Morgillo

Pubblicato

il

Il tribunale del riesame di Napoli, 10ma sezione, ha annullato l’ ordinanza di custodia cautelare nei confronti del boss Gennaro Morgillo, di San Felice a Cancello, con scarcerazione immediata dal carcere di Secondigliano.

Morgillo era stato coinvolto nel maxi blitz della Dda di Napoli del 20 aprile che ha portato a 38 arresti e a 55 persone indagate per associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti e allo spaccio di stupefacenti. Un vero e proprio terremoto giudiziario la decisione del riesame di Napoli.

Dalle indagini della Dda di Napoli oltre a risultare Gennaro Morgillo figura di primo piano del traffico internazionale di droga, sono venuti fuori anche i suoi contatti con i narcos della Bulgaria tramite cui inondava il basso casertano e la provincia di Benevento, in particolare la Valle Caudina e la Valle di Suessola  di tutti i tipi di droga.

Pubblicità

Gennaro Morgillo è coinvolto anche in altri procedimenti, tra cui i 3 più importanti: uno, denominato “fiumi di droga”, in cui vi è l’ accusa di associazione finalizzata al traffico di droga che operava tra le provincie di Napoli, Caserta e Benevento.

Associazione di cui è ritenuto essere il capo assoluto e fornita di un vero e proprio arsenale da guerra con cui esercitava il suo potere intimidatorio nei confronti di chi voleva opporsi al suo dominio nel traffico di droga.

In questo procedimento Morgillo si è salvato dalla condanna a circa 20 anni proposta dall’antimafia, avendo il tribunale condiviso le tesi del suo difensore di fiducia l’ avvocato Vittorio Fucci e riducendo notevolmente la pena.

Pubblicità

Poi vi è un secondo procedimento sempre per associazione a delinquere finalizzata al traffico di droga di cui è ritenuto essere il dominus e un terzo che lo vede coinvolto in una fitta rete di spaccio tra la provincia di Caserta e la Valle Caudina di cui era figura principale.

 

 

Pubblicità

Caserta, scarcerato il boss Gennaro Morgillo di Gustavo Gentile / Cronache della Campania

Pubblicità