Camorra, il padre del baby rapinatore Caiafa ucciso perché ‘ribelle’ ai clan dei Quartieri Spagnoli

Venne ucciso perché non si era piegato alle logiche criminali del “sistema”, definita anche “la paranza dei Quartieri Spagnoli”, Ciro Caiafa, padre di Luigi Caiafa, il baby rapinatore 17enne ucciso da un poliziotto per legittima difesa il 4 ottobre del 2020.
E’ quanto viene sostenuto nell’ordinanza con la quale oggi il gip di Napol, Carla Sarno, su richiesta della Dda, ha disposto oggi una cinquantina di misure cautelari notificate all’alba dai Carabinieri e dalla Squadra Mobile di Napoli.
Le indagini della Squadra Mobile e dei carabinieri hanno consentito di delineare la struttura criminale dei Quartieri Spagnoli (composta dai tre gruppi facenti capo a Antonio Esposito, Vincenzo Masiello, a suo padre Antonio, e a Eduardo Saltalamacchia) che imponevano ai pusher…

Cronache della Campania

Ultime News

TI POTREBBE INTERESSARE
NEWS

Chiesti sei ergastoli per i boss dell’organizzazione criminale di Gomorra per otto omicidi commessi.

Processo contro i boss della seconda faida di Scampia Nel...

Scimmia e violenze in carcere: la mia testimonianza contro gli abusi

Violenze nel carcere: le testimonianze al maxi-processo Proseguono le testimonianze...

Processo per estorsione a Gennaro Morgillo, uomo che uccise il padre vittima della Camorra: chiesto il giudizio.

Accusa di estorsione ai danni di Francesco D’Angelo Il ras...

Napoli: droga in carcere tramite droni, ai domiciliari sospettato Alessandro Iuliano.

La decisione del Tribunale del Riesame Il Tribunale del Riesame...