Seguici sui Social
[t4b-ticker]

Cronaca

Il boss Polverino ordinò dalla latitanza l’omicidio Candela: 4 arresti

Quattro ordinanze di custodia cautelare per omicidio sono state eseguite dai Carabinieri nell’ambito dell’inchiesta sull’omicidio di Giuseppe Candela, soprannominato “Peppe tredici anni”, ucciso il 15 luglio 2009 in un agguato di camorra. Tra i destinatari anche il boss Giuseppe Polverino accusato di aver ordinato il delitto nel corso di un summit svoltosi in Spagna dove era latitante. A Polverino, già detenuto per altri reati, il provvedimento è stato notificato in carcere. I provvedimenti sono stati emessi a conclusione delle indagini coordinate dai pm della Dda di Napoli, Henry John Woodcoock e Mariella Di Mauro e dal Procuratore aggiunto Filippo Beatrice. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, Candela fu ucciso per essersi legato a gruppi rivali dediti al traffico di stupefacenti. Una eliminazione interna al clan decisa in una lussuosa villa in Spagna, dove il boss conduceva la sua latitanza dorata. E’ lo scenario tracciato da un’indagine dei carabinieri che ha portato all’emissione di quattro misure cautelari, di cui una destinata al boss Giuseppe Polverino, a capo di uno dei clan storici del Napoletano ed economicamente tra i piu’ potenti. L’omicidio al centro dell’inchiesta della Dda e’ quello di Giuseppe Candela, detto ‘Peppe 13 anni’, avvenuto il 15 luglio 2009; Candela, affiliato della cosca, fu ucciso con sei colpi di pistola in strada. Un agguato pianificato in una villa di Coma Ruga, a Barcellona, proprio dal boss Giuseppe Polverino, e poi deliberato da un successivo summit in un covo segreto nelle campagne di Quarto Flegreo, di nuovo alla presenza del capo clan che era rientrato in Italia proprio perche’ voleva seguire in prima persona la vicenda. Candela, nella ricostruzione degli inquirenti, pur essendo uno storico componente della ‘famiglia’, se ne era allontanato per seguire autonomamente il traffico di stupefacenti con altri gruppi. La sua dunque fu una epurazione interna al clan, che non tollerava atteggiamenti autonomi di un vecchio affiliato. Alle indagini hanno contributo dichiarazioni di pentiti.

Pubblicato

il

Quattro ordinanze di custodia cautelare per omicidio sono state eseguite dai Carabinieri nell’ambito dell’inchiesta sull’omicidio di Giuseppe Candela, soprannominato “Peppe tredici anni”, ucciso il 15 luglio 2009 in un agguato di camorra. Tra i destinatari anche il boss Giuseppe Polverino accusato di aver ordinato il delitto nel corso di un summit svoltosi in Spagna dove era latitante. A Polverino, già detenuto per altri reati, il provvedimento è stato notificato in carcere. I provvedimenti sono stati emessi a conclusione delle indagini coordinate dai pm della Dda di Napoli, Henry John Woodcoock e Mariella Di Mauro e dal Procuratore aggiunto Filippo Beatrice. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, Candela fu ucciso per essersi legato a gruppi rivali dediti al traffico di stupefacenti. Una eliminazione interna al clan decisa in una lussuosa villa in Spagna, dove il boss conduceva la sua latitanza dorata. E’ lo scenario tracciato da un’indagine dei carabinieri che ha portato all’emissione di quattro misure cautelari, di cui una destinata al boss Giuseppe Polverino, a capo di uno dei clan storici del Napoletano ed economicamente tra i piu’ potenti. L’omicidio al centro dell’inchiesta della Dda e’ quello di Giuseppe Candela, detto ‘Peppe 13 anni’, avvenuto il 15 luglio 2009; Candela, affiliato della cosca, fu ucciso con sei colpi di pistola in strada. Un agguato pianificato in una villa di Coma Ruga, a Barcellona, proprio dal boss Giuseppe Polverino, e poi deliberato da un successivo summit in un covo segreto nelle campagne di Quarto Flegreo, di nuovo alla presenza del capo clan che era rientrato in Italia proprio perche’ voleva seguire in prima persona la vicenda. Candela, nella ricostruzione degli inquirenti, pur essendo uno storico componente della ‘famiglia’, se ne era allontanato per seguire autonomamente il traffico di stupefacenti con altri gruppi. La sua dunque fu una epurazione interna al clan, che non tollerava atteggiamenti autonomi di un vecchio affiliato. Alle indagini hanno contributo dichiarazioni di pentiti.

Pubblicità