Ragazzi napoletani ‘cacciati’ da una discoteca a Ibiza: polemica sui social

Sono ragazzi ‘napoletani’ e per questo non possono entrare in una discoteca di Ibiza. La denuncia arriva su Facebook dal papà di una di loro, Salvatore Ferraro. “Mia figlia Alessia Ylenia, studentessa universitaria 21enne i vacanza ad Ibiza, ieri notte si è vista negare l’accesso al locale Hard Rock in quanto nata e residente nella provincia di Napoli”, scrive sul social raccontando che i buttafuori del locale sull’isola spagnola “una volta controllati i documenti hanno detto che loro non accettavano persone della provincia di Napoli”. I ragazzi, tutti tra i 20 e i 24 anni, “sono andati via addolorati e mortificati e, tra l’altro, tra i cori di scherno di alcuni ragazzi milanesi che erano lì e che li hanno dileggiati”. E conclude Ferraro: “Tale comportamento è inammissibile e razzista ed è da stigmatizzare specialmente in quanto avvenuto in una struttura così nota a livello mondiale. Basta ad essere ghettizzati. Basta essere individuato con Gomorra”.
Cronache della Campania@2019

Fonte

Ultime News

TI POTREBBE INTERESSARE
NEWS

“13mila bufale abbattute nel 2022”

Tredicimila bufale con sospetta brucellosi e tbc abbattute dall’inizio...

Omicidio del piccolo Samuele, chiesti 18 anni di carcere per Mariano Cannio

Il pm Barbara Aprea della Procura di Napoli ha...

Napoli, tornano gli stranieri: 80% camere occupate

Napoli. “La stagione turistica estiva a Napoli sfoggia dati...

arresti domiciliari per il feritore

Nola. Un’ordinanza di custodia cautelare, che dispone la misura...