Seguici sui Social

Cronaca

Bicentenario di Meta: Sala consiliare intitolata al primo Sindaco della storia

Pubblicato

il

Il 31 dicembre il Comune di Meta compirà 200 anni. Per celebrare il Bicentenario dell’autonomia amministrativa martedì mattina, alle 10:30, per le strade del paese sfilerà la banda musicale “Città di Sorrento” con partenza da Piazza V. Veneto e brevi soste in Piazza S. M. del Lauro e Piazza Casale, fino ad arrivare alla Casa comunale. Qui verrà eseguita la cerimonia dell’alzabandiera sulle note dell’Inno d’Italia.
A seguire, alle 11:00, in Sala consiliare si terrà il Consiglio comunale straordinario dedicato alla ricorrenza, in presenza dell’Amministrazione attuale e di tutti i Sindaci e i Consiglieri che fino ad oggi hanno guidato il territorio metese. «Per l’occasione intitoleremo la Sala consiliare al primo Sindaco di Meta, Geremia Porzio, e lasceremo impressi a futura memoria i nomi di tutti i primi cittadini che hanno guidato il Comune di Meta in questi duecento anni di attività – annunciano il Sindaco Giuseppe Tito, il Consigliere delegato alla cultura Biancamaria Balzano e il Direttore artistico per il Bicentenario Andrea Fienga – Considerato il prestigio dell’avvenimento, invitiamo tutta la cittadinanza a partecipare insieme a noi a questo importante evento, che sarà anche occasione per brindare all’inizio di un nuovo anno con uno sguardo al passato e proiettati in un prospero futuro per tutta la nostra comunità».
Numerose sono le attività celebrative programmate per il Bicentenario per tutto il 2020. Attualmente in corso vi è la mostra a tema allestita in Sala consiliare, curata da Dina Pepe insieme al Direttore artistico del Bicentenario Andrea Fienga e presentata in occasione della conferenza di avvio ai festeggiamenti con il titolo “La nascita del Comune di Meta – Un desiderio di autonomia alimentato dallo sviluppo economico”. La mostra raccoglie documenti, lettere, atti, immagini e storie di personalità di spicco che hanno contribuito al raggiungimento dell’indipendenza di Meta.
Cronache della Campania@2019

Fonte

Pubblicità