Seguici sui Social

Primo Piano

L’Agenzia Nazionale per i Giovani assegna 5 milioni di euro a 261 progetti

Pubblicato

il

L’Agenzia Nazionale per i Giovani – ente vigilato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dalla Commissione Europea, che si occupa per l’Italia dei programmi europei rivolti ai giovani – ha assegnato circa 5 milioni di euro a 261 progetti proposti, gestiti e realizzati da associazioni giovanili e gruppi informali di minimo 5 giovani, nell’ambito del terzo round di valutazione dei programmi Erasmus+ Gioventù in azione e Corpo Europeo di Solidarietà. Lo riferisce una nota, spiegando che nello specifico le risorse europee sono andate a 148 progetti di Erasmus+: Gioventù per 3.623.781,00 euro di fondi impegnati e 113 progetti approvati in Corpo europeo di solidarietà per un impegno fondi pari a 2.256.267,8 euro. Grazie ai progetti Erasmus+ approvati saranno coinvolti 4707 partecipanti nelle azioni di mobilità e di dialogo strutturato, di questi il 35% sono giovani con minori opportunità. Dal punto di vista geografico, per il solo Round 3, il 53% dei progetti si svolge nel Sud e nelle Isole, il 31% nel Nord e il 16% nel Centro Italia. Le regioni che hanno avuto il maggior numero di progetti sono Sicilia, Campania, Puglia, Lazio e Veneto. Il numero dei partecipanti per il programma Corpo Europeo di Solidarietà, prosegue la nota, è di 380 persone coinvolte di cui 363 volontari. Tra questi, 291 svolgeranno la loro attività in ospitalità in Italia e 72 giovani residenti in Italia svolgeranno in altri Paesi europei il proprio servizio. Le regioni più attive sono Lombardia, Sicilia, Campania, Puglia e Lazio, confermando la correlazione tra il programma Esc e la vivacità del Terzo Settore in quei territori. Con l’approvazione delle graduatorie del terzo round si chiude l’annualità 2019. L’Agenzia Nazionale per i Giovani ha impegnato la totalità delle risorse assegnate all’Italia dalla Commissione europea per i progetti Erasmus+ per l’anno 2019, che sono pari a 11.313.709,6 euro. Attraverso tali risorse sono stati approvati complessivamente 398 progetti sui 1510 che le associazioni italiane hanno presentato. Il 42% dei beneficiari è alla propria prima esperienza nel Programma Erasmus – Gioventù in azione e ciò riflette l’impegno profuso nell’arco dell’anno per aprire il Programma anche a nuovi organismi non ancora beneficiari delle opportunità messe in campo dalla Commissione europea per i giovani. Tali progetti consentiranno di coinvolgere 18461 giovani di tutta Europa. L’Agenzia nazionale ha posto particolare attenzione al carattere inclusivo e al coinvolgimento delle parti più fragili dei giovani: infatti quasi un terzo dei giovani sono soggetti con minori opportunità o con bisogni speciali, e tale impegno ed attenzione verranno consolidati anche nel 2020. Dal punto di vista geografico il 51% dei progetti si svolge nel Sud e nelle Isole, il 33% nel Nord e il 17% nel Centro Italia. Le regioni che hanno avuto il maggior numero di progetti sono Sicilia; Campania; Piemonte; Lazio e Puglia. Può considerarsi vinta la sfida del neonato programma Corpo Europeo di Solidarietà, sottolinea la nota. Questo, nonostante sia entrato a regime solo quest’anno, ha visto impegnato un importo superiore a 7 milioni di euro. L’impegno di tali risorse incide su 264 progetti approvati rispetto alle 414 proposte presentate, di cui il 70% dei beneficiari è alla propria prima esperienza nel Programma Esc. Grazie ai progetti approvati, 1607 giovani potranno fruire delle opportunità Esc, di cui oltre il 40% con minori opportunità o con bisogni speciali. Dal punto di vista geografico il 42% dei progetti si attua nel Sud e nelle Isole, il 41% nel Nord e il 17% nel Centro Italia. Le 5 regioni che hanno avuto il maggior numero di progetti approvati sono Lombardia, Sicilia, Campania, Puglia e Lazio, confermando la correlazione tra il programma Esc e la vivacità del Terzo Settore in quei territori.”Questi numeri ci restituiscono un 2019 vincente”, commenta Domenico De Maio, direttore generale dell’Agenzia Nazionale per i Giovani. “Un anno – prosegue – che ci ha visto protagonisti sui territori con le iniziative Oggi Protagonisti e Ang inRaio grazie alle quali siamo entrati in contatto con la parte più vivace, più attenta all’Europa: i giovani. Aver letto grande entusiasmo nei loro occhi, aver ascoltato il loro entusiasmo nel raccontarci i progetti, ci da una motivazione in più per cercare di fare ancora meglio nel prossimo anno”. Le scadenze 2020 per presentare progetti Erasmus+ ed Esc sono 5 febbraio, 30 aprile e 1 ottobre.
Cronache della Campania@2019

Fonte

Pubblicità