Seguici sui Social

Primo Piano

Napoli, dottoresse e infermiere aggredite all’ospedale del Mare

Pubblicato

il

Napoli, dottoresse e infermiere aggredite all’ospedale del Mare

“Sanitari aggrediti all’Ospedale del Mare, dove poche ore prima dell’ennesimo atto di violenza erano state presentate le prime ambulanze del 118 equipaggiate con telecamere, body e dash cam. Vittime di minacce, pugni e schiaffi sono stati due medici, tra cui una dottoressa e due infermiere, nel reparto di “Psichiatria” femminile. Lo rende noto l’associazione Nessuno Tocchi Ippocrate che segnala l’aggressione numero 12 dell’inizio dell’anno.
Nonostante l’Asl Napoli 1 Centro, stia mettendo in campo numerose novità per contrastare il dilagante fenomeno delle aggressioni, compreso un pulsante per collegare direttamente i pronto soccorso con le centrali operative di polizia e carabinieri, alle 13 di oggi, è avvenuto un vero e proprio assalto contro il personale del reparto dove era ricoverata una giovane paziente psichiatrica. La tensione è esplosa quando, due familiari della donna, hanno cominciato a insultare e minacciare una dottoressa che non voleva assecondare le loro richieste, riguardo alla somministrazione di un farmaco che non riteneva opportuno per la ricoverata.
I parenti della paziente, entrambi uomini, dopo aver lanciato delle minacce, hanno schiaffeggiato la dottoressa e non si sono fermati quando, un dottore e due infermiere sono intervenuti per aiutare la sanitaria in difficoltà. Il medico è stato colpito da diversi pugni e una delle infermiere è stata tirata per i capelli, al punto che sul pavimento del reparto sono state ritrovate le sue ciocche.
L’aggressione è durata alcuni minuti fino all’intervento dei vigilantes, che però non si trovano sul piano dell’Unità operativa di Psichiatria e che sono corsi in aiuto dei sanitari appena ricevuta l’allerta. I due medici e le due infermiere sono stati medicati al pronto soccorso dell’ospedale Del Mare e sul posto sono intervenuti anche i carabinieri, che hanno verbalizzato l’accaduto e identificato gli aggressori.”
Cronache della Campania@2019

Fonte

Pubblicità