Seguici sui Social
[t4b-ticker]

Primo Piano

La base del M5s Campania compatta sul no agli accordi con Pd alle Regionali

Pubblicato

il

La base del M5s Campania compatta sul no agli accordi con Pd alle Regionali

Sette ore di interventi, circa 120, regolati rigidamente dal cronometro con 2′ a testa. Ma per capire gli umori degli attivisti del Movimento 5 Stelle della Campania all’ assemblea indetta all’ Hotel Ramada di Napoli sulle alleanze per le regionali di primavera e’ bastata mezz’ora. Schiacciante il no ad accordi con il Pd (“con e senza De Luca candidato”) che tocca il 90%, appena piu’ sfumata l’ opposizione ad accordi con “liste civiche”, giudicate da molti un espediente dei partiti tradizionali. Gli interventi dei pochissimi disponibili a sedersi ad un tavolo con i Dem sono stati coperti da fischi e buuu di dissenso. E qualcuno, come Rosa Maria, del Meet Up di Cardito, favorevole (“ma con un candidato comune della societa’ civile”) va via senza parlare. Verso i vertici nazionali c’ e’ dissenso e diffidenza: “vi abbiamo mandato noi a Roma, siete dei portavoce, venite a presentarvi alle comunali e vediamo quanti voti prendete”, grida un attivista, tra gli applausi della sala. Roberto Fico, presente dall’ inizio alla fine, scatta qualche selfie con i simpatizzanti, ma viene chiamato in causa da interventi critici. Luigi Di Maio non c’è , e la proposta di dedicarli un applauso raccoglie pochi consensi, ma il capogruppo in consiglio regionale, Valeria Ciaramino, regista dell’assemblea e considerata molto vicina all’ ex capo politico, manda un messaggio preciso ai vertici: “chiediamo che a votare sulla piattaforma Rousseau siano solo i campani”. Mentre qualcuno mette apertamente in discussioni i risultati emersi dalle votazioni precedenti. Il consigliere regionale Maria Muscarà chiede se ci sono “accordi romani” per un’ alleanza con il Pd. “Se è così, ditecelo, e prenderemo altre strade”. Ancora più duro Matteo Brambilla, consigliere comunale di Napoli ed ex candidato-sindaco del Movimento: “sono arrabbiato, non avrei mai pensato di dover discutere di questo. Se si tratta di mettere una croce sul nostro simbolo affiancato a quello del Pd, non avrete mai il mio voto, nè quello della mia famiglia”. 
Cronache della Campania@2019

Fonte

Pubblicità