Resta in carcere a Dubai il narcos Raffaele Imperiale

 

Niente estradizione per Lello Imperiale. Gli Emirati Arabi hanno detto no all’Italia.

 Il 48enne di Castellammare di Stabia, il narcotrafficante più potente d’Europa legato agli scissionisti degli Amato-Pagano che da Secondigliano che ha vissuto per anni da latitante di extralusso a Dubai negli Emirati Arabi non sarà estradato.

 Pochi giorni fa, – come anticipa il Mattino-gli Emirati Arabi hanno respinto la richiesta di estradizione avanzata dalla Procura di Napoli. Lelluccio Imperiale: condannato per traffico di cocaina, è stato qualche mese fa raggiunto da una seconda misura cautelare, su richiesta della Dda di Napoli, sempre per traffico internazionale di droga.

Un personaggio capace di determinare le sorti della camorra allargando e chiudendo i rubinetti della cocaina da Dubai, capace di utilizzare le più sofisticate tecnologie, sicuramente il primo boss globalizzato e delocalizzato della storia criminale in rapporti con le principali organizzazioni malavitose del mondo. Ma, anche, un fine investitore: e’ questo, in sostanza, secondo la Procura di Napoli, l’identikit di Raffaele Imperiale, il narcotrafficante internazionale che si trova in stato di arresto nella “sua” Dubai.

Dalle intercettazioni agli atti, che hanno consentito agli inquirenti della DDA di scoprire che Imperiale e il suo socio Mario Cerrone sono proprietari delle quote societarie della AA Investments & Development LLC di Dubai, è emerso anche che “o’ parente” (così tra gli scissionisti degli Amato Pagano è conosciuto Imperiale, ndr), nella veste di facoltoso imprenditore italiano, aveva dato addirittura incarico all’architetto iracheno naturalizzato britannico di fama mondiale Zaha Hadid di realizzare a Dubai dieci ville del valore di 20 milioni di dollari ciascuna.

Insieme con Cerrone, Imperiale è destinatario di una misura cautelare in carcere emessa per l’accusa di associazione a delinquere di tipo mafioso emessa dalla gip di Napoli su richiesta della Procura che ha ottenuto anche il sequestro delle quote di quella società, ora inserita nella lunga lista di asset localizzati anche in Spagna e nell’isola di Man (Regno Unito), finalizzati alla confisca.

 TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Arrestato a Dubai il narcos stabiese Raffaele Imperiale

Come accaduto ai famosissimi due quadri di Van Gogh, “La spiaggia di Scheveningen” e “L’uscita dalla chiesa protestante di Nuen”, sequestrati il 19 settembre 2016 nella villa dei suoi genitori a Castellammare di Stabia e restituiti al Museo e all’Olanda il 19 gennaio 2017.

 TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Il pentito Carra: “Imperiale e il socio volevano comprare il calcio Napoli”

In un’altra intercettazione, inoltre, emerge la volontà da parte di Imperiale di munirsi di un passaporto dello stato sud americano di Trinidad e Tobago per il quale era disposto a pagare 150mila dollari. Un espediente per poter sfuggire alle forze di polizia internazionali che però lo hanno arrestato all’inizio dello scorso agosto negli Emirati Arabi Uniti.

 TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Imperiale faceva guadagnare 90 milioni di euro all’anno ai boss degli Amato Pagano

 Imperiale è difeso dal penalista Maurizio Frizzi e per il momento può continuare a restare negli Emirati Arabi dove si trovano anche la moglie e i suoi figli.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Resta in carcere a Dubai il narcos Raffaele Imperiale di Giuseppe Del Gaudio / Cronache della Campania

Ultime News

TI POTREBBE INTERESSARE
NEWS

Infermieri aggrediti negli ospedali di Napoli e Avellino

Due aggressioni al personale sanitario – una avvenuta al...

A Marigliano corse clandestine di moto truccate. IL VIDEO

Marigliano. A Marigliano corse clandestine di moto truccate. Coinvolte...

Camorra, Dda chiede il processo per 7 esponenti del clan Piccolo Letizia

La Procura di Napoli (Direzione Distrettuale Antimafia) ha chiesto...

Coppia di giovanissimi feriti a colpi di pistola ad Acerra

Tragedia sfiorata ieri sera ad Acerra dove una coppie...