Seguici sui Social

Cronaca Giudiziaria

Ergastolo per Riccioli accusato dell’omicidio dei due badanti casertani

Pubblicato

il


Il gip del tribunale di Siracusa ha condannato all’ergastolo Giampiero Riccioli, l’uomo accusato dell’omicidio nel 2014 di due badanti casertani Alessandro Sabatino, 40 anni di San Marcellino e Luigi Cerreto, 23 anni di San Marco Evangelista.

La pena era stata invocata dalla procura generale di Catania lo scorso 21 dicembre. Il processo era ripreso proprio a fine 2021 dopo che, a novembre, Riccioli era stato giudicato capace di intendere e di volere. A ottobre, infatti, su richiesta della difesa era stata effettuata una perizia sulla sua salute mentale. Dopo gli esiti della verifica, i legali chiesero il giudizio con la formula del rito abbreviato.

Pubblicità

Il corpo dei due giovani è stato ritrovato dopo sette anni nella villa di Riccioli lo scorso febbraio. L’uomo è il figlio dell’anziano che i due assistevano in una località vicino Siracusa (in contrada Tivoli). Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, le due vittime vennero legate con delle fascette, fatte inginocchiare e sparate in testa. Dalle analisi sui resti ossei sarebbe emerso come i due non fossero stati drogati.

LEGGI ANCHE  Napoli, sempre meno spiagge accessibili e sempre più sporche

Pubblicità

Vennero poi sepolti nel giardino della villa in un punto dove venne realizzato un barbecue in muratura. Riccioli è stato condannato anche al pagamento delle spese legali e al risarcimento delle parti civili, fra le quali i familiari delle due vittime rappresentati dagli avvocati Enzo Guida e Sabrina Girotti (per Sabatino) e Natalino Giannotti e Paolo Ascione (per Cerreto).

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

Pubblicità