Seguici sui Social

Cronaca Giudiziaria

libero dopo 6 anni il dj di Pozzuoli

Pubblicato

il


E’ libero da pochi giorni e grazie all’affidamento in prova lavora in un call center della provincia di Napoli.

Aniello Maria Mormile, oggi 35enne, è il dj di Pozzuoli che la sera del 25 luglio 2015 con la sua auto, una Renault Clio, percorse sei chilometri in senso vietato sulla Tangenziale di Napoli, andandosi poi a schiantare contro un’altra vettura.

Pubblicità

Nell’impatto morirono la giovane fidanzata che era in auto con lui Livia Barbato, di appena 22 anni e il 48 enne di Torre del Greco, Aniello Miranda che stava andando al lavoro. Mormile è stato condannato a 10 anni di carcere dopo che la Corte di Appello di napoli aveva dimezzato la condanna originaria a 20 anni di omicidio volontario trasformandola in omicidio colposo. Era ubriaco alla guida. E no ha mai saputo spiegare cosa lo spinse quella notte a invertire il senso di marcia e a causare la strage.

Qualche giorno fa- come anticipa il quotidiano La Repubblica- il tribunale di sorveglianza gli ha concesso l’affidamento in prova ai servizi sociali. E ora sconterà il resto della pena fuori dal carcere. Sulla decisione dei giudici ha influito in maniera determinante il percorso di rieducazione intrapreso da Mormile in carcere.

Pubblicità

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Contromano in tangenziale: in Appello dimezzata la condanna per Mormile

Nel 2018 ha infatti chiesto e ottenuto il trasferimento nel carcere di Secondigliano per poter frequentare il polo universitario. Si è laureato in scienze erboristiche. E da conoscitore della musica ha partecipato, su impulso degli educatori e del personale dell’istituto, a diversi progetti, in materia informatica, musicale e anche artistica.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Contromano in tangenziale: la vicenda raccontata nel libro “Viaggio al centro della notte”

Pubblicità

 

Pubblicità

Pubblicità