Manifesti elettorali & camorra: referente dei Belforte condannato con altri 7

Annullamento con rinvio per Vincenzo Rea coinvolto, insieme ad altre 8 persone, nell’inchiesta sul monopolio dei manifesti elettorali nel Comune di Caserta nelle mani del clan Belforte in occasione delle elezioni regionali del 2015.

E’ quanto stabilito dalla Quinta Sezione della Corte di Cassazione che ha accolto il ricorso presentato dai legali di Rea, gli avvocati Michele Di Fraia, Giuseppe Scala e Rossella Luglio, annullando la pronuncia della Corte di Appello di Napoli che lo condannava a 7 anni in relazione in relazione alla contestazione di associazione camorristica rinviando ad altra sezione della Corte di Appello partenopea per la decisione sul punto.

La Suprema Corte ha confermato la pronuncia della Corte di Appello di Napoli per Giovanni Capone (ritenuto il referente del clan Belforte nel Capoluogo) condannato in continuazione con altre sentenze a 16 anni e 6 mesi; Antimo Italiano a 5 anni; Antonio Merola a 6 anni e 4 mesi; Modestino Santoro a 4 anni e 4 mesi; Ferruccio Coppola a 2 anni; Clemente Vergone a 2 anni e 6 mesi; Mario De Luca a 4 anni e 6 mesi; Virginia Scalino a 10 mesi.

Secondo l’accusa Giovanni Capone, all’epoca detenuto, aveva dato precise indicazioni sull’affissione dei manifesti elettorali nella città di Caserta per le regionali 2015 che sarebbe stata esclusiva della Clean Service.

L’imposizione avveniva sia in modo esplicito, come captato nel corso delle intercettazioni, sia attraverso minacce ai singoli soggetti sorpresi ad affiggere manifesti in tarda notte sia coprendo i manifesti esistenti senza ricorrere a loro società facendo poi passare il messaggio che l’inconveniente non si sarebbe verificato se si fossero rivolti alla loro ditta. Nel corso delle indagini vennero accertati plurimi episodi di cessione di droga all’ombra della Reggia.

Manifesti elettorali & camorra: referente dei Belforte condannato con altri 7 di Gustavo Gentile / Cronache della Campania

Ultime News

TI POTREBBE INTERESSARE
NEWS

Napoli, insultarono inviata Rai de I Fatti Vostri: riprende il processo per tre giovani accusati

La giornalista Rai,  Claudia Marra, inviata dei I Fatti Vostri.stava seguendo il caso dei tre napoletani scomparsi in Messico Napoli, insultarono inviata Rai de I Fatti Vostri: riprende il processo per tre giovani accusati di Redazione / Cronache della Campania

Marcianise, insegnante travolta dal treno: indagato il marito

Colpo di scena per la morte di Raffaella Maietta, il marito Luigi Di Fuccia, è indagato per il reato di maltrattamenti in famiglia in danno della donna Marcianise, insegnante travolta dal treno: indagato il marito di Redazione Cronache / Cronache della Campania

Giovani uccisi ad Ercolano, la mamma di Giuseppe: “Perdono? Lo chieda a Dio”

Parla Immacolata Esposito, la madre di Giuseppe Fusella ucciso con l'amico Tullio Pagliaro a colpi di pistola a Ercolano la notte tra il 28 e 29 ottobre 2021, Giovani uccisi ad Ercolano, la mamma di Giuseppe: “Perdono? Lo chieda a Dio” di Redazione Cronache / Cronache della Campania

Pompei operazione antidroga: sequestrato un chilo di stupefacente e munizioni

Controlli in uno stabile in via Grotta II: recuperati...