Seguici sui Social

Cronaca Giudiziaria

Napoli, la Dda: “Tony Colombo ha gestito i soldi dei Marino”

Pubblicato

il

Si è salvata dall’arresto Immacolata Rispoli detta Tina moglie del noto neomelodico Tony Colombo ma vedova del boss Gaetano Marino detto monkerino ucciso a Terracina il 23 agosto 2012.

Ma dall’inchiesta della Dda di Napoli, che i, Tribunale del Riesame di napoli  ha bocciato in parte, emerge uno scenario inquietante sulla coppia e su Tony Colombo,

“Da circa sei anni, ossia dai 2012, l’avveduto Colombo non fa che gestire l’intero patrimonio della famiglia Rispoli Marino (le sue scarse entrate non giustificano affatto le possidenze ed il tenore di vita), che deriva ovviamente dalle attivita’ illecite del capofamiglia Marino Gaetano e che Colombo reimpiega, investendolo in attivita’ lecite…”. Lo scrivono i giudici del Riesame nell’ordinanza con il quale hanno rigettato l’istanza presentata dalla Procura per chiedere l’arresto, per associazione mafiosa, di Immacolata Rispoli.

Pubblicità

Secondo i giudici, vengono effettuate “…operazioni di ‘lavaggio’… con la consapevolezza e il consenso della Rispoli…”. Nell’ordinanza si parla anche del rapporto professionale tra Tina Rispoli e il cantante, “…iniziato quando Marino Gaetano era ancora in vita, con un prestito di euro 80,000”. Circa le proprieta’ riconducibili a Tina Rispoli per i giudici non possono trattarsi di immobili “acquistati con denaro di lecita provenienza atteso che la Rispoli non ha mai personalmente disposto di somme adeguate e Marino Gaetano ha sempre svolto attivita’ illecite…”.

Dall’ordinanza emerge anche che Vincenzo Di Lauro (figlio del capoclan Paolo Di Lauro, ndr), e’ risultato “…solo formale intestatario dei locali della Magitaly (societa’ di Vincenzo Di Lauro, ndr), in realta’ di proprieta’ della Rispoli, alla quale Di Lauro corrisponde i canoni di affitto anche con l’intermediazione di Colombo, come emerge dall’esame dei dati estratti dal telefono cellulare sequestratogli”.

“La prova del fatto che le consistenze patrimoniali del Colombo provengano in larga parte dai profitti illeciti del Marino Gaetano, – scrivono ancora i giudici del Riesame di Napoli basandosi sulle intercettazioni di una conversazione captata durante un litigio – emerge incontestabile dalle parole della Rispoli, che, pur non volendo rinfacciare al marito i prestiti ricevuti, tuttavia gli ricorda con chiarezza a chi deve la sua vita agiata e la sua attivita’ artistica (“…tu oggi sei Tony Colombo Rispoli, ok, perche’ tu oggi devi ringraziare me e tutta la mia famiglia se oggi sei quel che sei…”).

Pubblicità

Colombo pero’ le risponde con altrettanta franchezza che, al momento, non puo’ restituirle il denaro, precisando che gli occorre ancora un anno per ”stare al top economicamente’. A fronte di tale risposta la Rispoli ribadisce con insistenza le sue richieste, dichiarando che intende riprendere il controllo dei suoi soldi e la gestione del suo patrimonio, precisando che “non è giusto che i figli non abbiano contanti malgrado il padre gli abbia lasciato la somma di 400.000 euro…”.

“La vedova del boss di camorra Gaetano Marino – ha commentato in un video messaggio il consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Borrelli – ha inviato un comunicato stampa omettendo di specificare che è accusata di riciclaggio e trasferimento fraudolento di valori, aggravati dal metodo mafioso. Il Tribunale del Riesame ha rigettato la richiesta di arresto, non ha proclamato alcuna innocenza. Vogliamo sapere se il sodalizio con il cantante neomelodico Tony Colombo è solo sentimentale o se la carriera di questo personaggio è stata agevolata dai soldi e da rapporti di varia natura con i clan”.

Napoli, la Dda: “Tony Colombo ha gestito i soldi dei Marino” di Giuseppe Del Gaudio / Cronache della Campania

Pubblicità

Pubblicità