Camorra, scarcerata la moglie del boss Buonerba: pativa la mancanza di acqua in carcere

Camorra: è stata scarcerata perche’ “per 1.602 giorni la detenuta ha patito la carenza dell’acqua potabile”.

La motivazione e’ del magistrato di sorveglianza di Santa Maria Capua Vetere nell’ordinanza con la quale ha disposto una riduzione di pena e la scarcerazione di Emilia Sibillo, che e’ la moglie del boss Giuseppe Buonerba dei clan dei ‘capelloni’ del quartiere napoletano di Forcella.

Nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, dove la donna stava scontando una pena a 8 anni per 416 bis dopo essere stata arrestata nel luglio 2017, manca l’allaccio alla rete idrica e l’acqua viene prelevata da due pozzi artesiani per poi essere potabilizzata.

Il giudice ha accolto l’istanza presentata dal legale di Emilia Sibillo, l’avvocato Sergio Simpatico, per il quale “finalmente in Italia si fanno valere i diritti umani anche per i detenuti”. Il giudice ha ridotto di 160 giorni la pena da espiare e concesso anche un indennizzo di 16 euro in totale.

La scorsa settimana i giudici della quarta sezione della Corte di Appello di Napoli (presidente Roberto Vescia), avevano accolto la tesi dell’avvocato difensore riducendo da 30 a 20 anni di reclusione la pena inflitta nei confronti di Emilia Sibillo, condannata per l’omicidio di Salvatore D’Alpino, ritenuto legato ad Antonio Napoletano detto “o’ nannone” del clan Sibillo, de “La paranza dei bambini”.

Camorra, scarcerata la moglie del boss Buonerba: pativa la mancanza di acqua in carcere di Redazione Cronache / Cronache della Campania

Ultime News

TI POTREBBE INTERESSARE
NEWS

Bomba d’acqua a Sorrento: danni e disagi

Sorrento. Questa notte una nuova e violenta bomba d’acqua,...

Caivano, blitz anti-droga al Parco Verde: arrestati due giovani pusher

Caivano. Operazione anti-droga al Parco Verde: i carabinieri accerchiano...

Napoli, in giro con un tirapugni: denunciato 24enne

Napoli. Ieri sera gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante...

Napoli, in giro in auto con 5 dosi di cocaina: denunciati

Napoli. Continuano i controlli anti droga nella zona est...