Napoli, condannato il baby rapinatore che causò la morte di “Zia Patrizia”

E’ stato condannato a 12 anni e 8 mesi di reclusione, oltre a 3 anni di obbligo di firma il baby rapinatore Luigi Frenna che il 17 luglio del 2021 rapinò Patrizia Petrone in via Salvator Rosa.
La donna titolare dell’Antica Pizzeria Gianni e Genny di salita Tarsia a Napoli morì in ospedale dopo otto mesi di agonia. Per il giovane rapinatore l’accusa di di omicidio preterintenzionale , nono- stante la scelta del rito abbreviato, è stato condannato ieri pomeriggio a 12 anni e 8 mesi di reclusione, oltre a 3 anni di obbligo di firma. Il pm aveva invocato 8 anni.
Luigi Frenna aveva già incassato una condanna definitiva a 6 anni e 8 mesi per lesioni gravissime e rapina aggravata: quella condanna però era arrivata quando Patrizia Petrone  per tutti “zia Patrizia” era però…

Cronache della Campania

Ultime News

TI POTREBBE INTERESSARE
NEWS

Napoli: processo all’ex Garante dei detenuti Pietro Ioia, concessione attenuanti generiche

Confermate le accuse di corruzione e cessione di stupefacenti La...

Ex killer pentito arrestato a Roma, chiuse indagini sull’omicidio di Siani.

Arrestato ex killer e camorrista pentito a Roma Salvatore Migliorino,...

Chiesti sei ergastoli per i boss dell’organizzazione criminale di Gomorra per otto omicidi commessi.

Processo contro i boss della seconda faida di Scampia Nel...

Scimmia e violenze in carcere: la mia testimonianza contro gli abusi

Violenze nel carcere: le testimonianze al maxi-processo Proseguono le testimonianze...