Da lusso a cella: fine della fuga per il boss Nicola Rullo, arrestato in Spagna.

Il boss Nicola Rullo, considerato il reggente del clan Contini e membro di rango dell’Alleanza di Secondigliano, è stato arrestato in Spagna, interrompendo così i suoi piani di celebrare il Capodanno in un resort di lusso. I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Napoli, sotto il coordinamento della DDA, hanno effettuato l’arresto mentre Rullo si trovava insieme ad altre due persone legate al clan, al “El Plantio Golf Resort” di Alicante.

Rullo, uomo di fiducia del capoclan Edoardo Contini detto “o’ romano”, si trovava nella struttura alberghiera di lusso insieme alla moglie, la figlia, il genero e la nipote. L’arresto è avvenuto mentre si trovava a bordo piscina. Si è appreso che Rullo aveva terminato di scontare le precedenti condanne il 3 luglio 2023 ma, due mesi più tardi, a seguito di una rideterminazione delle pene, la Procura Generale della Repubblica di Napoli ha emesso un nuovo provvedimento che l’uomo ha cercato di evitare.

La presenza della famiglia di Rullo nel resort di lusso aveva attirato l’attenzione delle autorità. Dal 15 dicembre 2023, sia la moglie che la figlia, insieme ai rispettivi mariti, avevano disattivato temporaneamente i loro telefoni cellulari, lasciando presagire ai militari che avessero lasciato Napoli o addirittura il territorio nazionale per trascorrere le festività lontano dalla città.

Questo arresto rappresenta un duro colpo per il clan Contini, evidenziando anche la capacità delle forze dell’ordine di monitorare e agire contro le attività criminali anche al di fuori dei confini nazionali. La continua vigilanza delle autorità è fondamentale per contrastare le attività di organizzazioni criminali come questa.

Per ulteriori informazioni sull’articolo, è possibile visitare la fonte ufficiale: [Cronache della Campania](https://www.cronachedellacampania.it/2023/12/nicola-rullo-resor-lusso-alicante/)

Ultime News

TI POTREBBE INTERESSARE
NEWS

Chiesti sei ergastoli per i boss dell’organizzazione criminale di Gomorra per otto omicidi commessi.

Processo contro i boss della seconda faida di Scampia Nel...

Scimmia e violenze in carcere: la mia testimonianza contro gli abusi

Violenze nel carcere: le testimonianze al maxi-processo Proseguono le testimonianze...

Processo per estorsione a Gennaro Morgillo, uomo che uccise il padre vittima della Camorra: chiesto il giudizio.

Accusa di estorsione ai danni di Francesco D’Angelo Il ras...

Napoli: droga in carcere tramite droni, ai domiciliari sospettato Alessandro Iuliano.

La decisione del Tribunale del Riesame Il Tribunale del Riesame...