Categorie
Cronaca Nera News

Le mani della camorra sulle scommesse illegali: 33 misure cautelari

I clan della camorra riciclavano i proventi delle scommesse illegali nei paradisi fiscali di Panama, Romania e Malta.

Lo hanno scoperto i carabinieri che ha stroncato una organizzazione criminale, contigua a cosche di camorra e altre mafie, che ha gestito scommesse illegali e gioco d’azzardo, reimpiegando il denaro ‘sporco’.

E’ infatti questo il centro di una inchiesta dei carabinieri di Salerno che ha portato a 33 misure cautelari in carcere che i militari dell’Arma stanno eseguendo nelle province di Salerno, Napoli, Roma, Potenza, Ravenna e in diversi stati esteri, in particolare Panama, Romania e Malta, in collaborazione con organismi di polizia stranieri.

I reati contestati agli indagati, a vario titolo, vanno dall’associazione per delinquere di tipo mafioso finalizzata alla commissione di una serie indeterminata di delitti in materia di giochi e scommesse illegali, all’intestazione fittizia di beni, riciclaggio, reimpiego di denaro provento di delitto in attività economiche, auto-riciclaggio, con l’aggravante di aver commesso il fatto al fine di agevolare la criminalità organizzata.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: E’ morto David Sassoli, presidente del Parlamento europeo

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Le mani della camorra sulle scommesse illegali: 33 misure cautelari di Giuseppe Del Gaudio / Cronache della Campania