Anche i familiari di Elpidio D’Ambra lo abbandonano: “Ci ha distrutti”


Nessun perdono per Elpidio D’Ambra neanche dai suoi familiari.

L’assassino della 23enne Rosa Alfieri ha confessato spiegando di aver sentito “Voci mi dicevano uccidi”, ma ha anche detto di non aver commesso abusi sessuali’ sulla ragazza.

I suoi familiari sono distrutti: la mamma ha telefonato al sindaco chiedendo di portare le sue condoglianze alla famiglia di Rosa e allo stesso tempo teme ritorsioni nei suoi confronti. Lo stesso fa la sorella che in lacrime al telefono dell’inviato Rai ha spiegato che non può accettare una cosa del genere e che il fratello ha distrutto molte persone con quel suo gesto.

Elpidio ha sostenuto di aver sentito, nella sua testa, delle voci che gli dicevano di agire, di uccidere. D’Ambra ha reso le sue dichiarazioni agli investigatori della Polizia di Stato e al sostituto procuratore di Napoli Nord, Patrizia Dongiacomo. A loro ha spiegato quegli attimi in cui ha tolto la vita alla sua vicina di casa, che aveva fatto entrare poco prima nel suo appartamento per chiederle “informazioni sulle bollette da pagare”.

Una confessione che verosimilmente anticipa la strategia difensiva e che l’assassinio reo confesso intende confermare nel corso dell’imminente interrogatorio di garanzia. Il legale del 31enne, Dario Maisto, chiederà una perizia psichiatrica per appurare se al momento del fatto il suo cliente fosse realmente capace di intendere e volere.

Agli inquirenti D’Ambra – catturato dalla Polizia di Stato nel pomeriggio di ieri all’ospedale San Paolo di NapoliI dopo una fuga di quasi 24 ore – ha negato di avere fatto delle avances e anche di avere violentato la giovane. Ha ammesso pero’ di essere un consumatore abituale di cocaina, che aveva assunto anche il giorno dell’omicidio.

Ha anche confermato di essersi intrattenuto a colloquio con i genitori della ragazza – che a lui si erano rivolti per chiedergli se l’avesse vista – quando Rosa era già senza vita nel suo bagno. D’Ambra viveva da solo, dopo la fine di una relazione con una compagna dalla quale si e’ separato tempo fa. Sbarcava il lunario grazie a saltuari lavori di muratura.

Distrutta dal dolore la famiglia della vittima, composta da padre, madre e due fratelli che, al momento, può solo attendere l’evolversi dell’iter giudiziario. Il loro legale, l’avvocato Carmine Biasiello, ha già annunciato ferma opposizione in caso di incidente probatorio relativamente allo stato di intendere e di volere dell’assassino.

“Per noi D’Ambra e’ pienamente capace di intendere e di volere” dice il legale, “e lo dimostra tutto cio’ che ha fatto dopo l’omicidio, dalla fuga per paura di cio’ che aveva commesso al fatto che ha dato le chiavi di casa ad un conoscente ignaro del delitto che poi ha scoperto il corpo con il papa’ di Rosa”.

I familiari della 23enne, ferventi cattolici, aspettano anche che venga svolta nel piu’ breve tempo possibile l’autopsia che consentirebbe i funerali. L’accertamento, al momento, non e’ stato ancora fissato. Pur in presenza di una confessione, le indagini dei carabinieri di Giugliano in Campania, coordinati dalla Procura di Napoli Nord (Procuratore Maria Antonietta Troncone), non sono comunque concluse, specie per quanto riguarda l’esatta dinamica dell’accaduto.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Grumo Nevano, la mamma di Rosa grida: “Giustizia, voglio giustizia”

D’Ambra ha negato di aver commesso violenze sessuali ma per chiarire questo punto bisognerà attendere proprio l’autopsia. Non sono emersi inoltre testimoni diretti dell’evento. Anche oggi e’ continuato intanto il via vai di persone in via Risorgimento, davanti al palazzo dove Rosa viveva con la sua famiglia e dove, al pian terreno, da due settimane risiedeva anche colui che sarebbe diventato il suo assassino.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime News

TI POTREBBE INTERESSARE
NEWS

Napoli, insultarono inviata Rai de I Fatti Vostri: riprende il processo per tre giovani accusati

La giornalista Rai,  Claudia Marra, inviata dei I Fatti Vostri.stava seguendo il caso dei tre napoletani scomparsi in Messico Napoli, insultarono inviata Rai de I Fatti Vostri: riprende il processo per tre giovani accusati di Redazione / Cronache della Campania

Marcianise, insegnante travolta dal treno: indagato il marito

Colpo di scena per la morte di Raffaella Maietta, il marito Luigi Di Fuccia, è indagato per il reato di maltrattamenti in famiglia in danno della donna Marcianise, insegnante travolta dal treno: indagato il marito di Redazione Cronache / Cronache della Campania

Giovani uccisi ad Ercolano, la mamma di Giuseppe: “Perdono? Lo chieda a Dio”

Parla Immacolata Esposito, la madre di Giuseppe Fusella ucciso con l'amico Tullio Pagliaro a colpi di pistola a Ercolano la notte tra il 28 e 29 ottobre 2021, Giovani uccisi ad Ercolano, la mamma di Giuseppe: “Perdono? Lo chieda a Dio” di Redazione Cronache / Cronache della Campania

Pompei operazione antidroga: sequestrato un chilo di stupefacente e munizioni

Controlli in uno stabile in via Grotta II: recuperati...