Faida di Pozzuoli, la Cassazione annulla 4 ergastoli

La prima sezione penale della Corte di Cassazione ha annullato, con rinvio, gli ergastoli inflitti nei confronti di quattro elementi di spicco della camorra di Pozzuoli.

Erano tutti accusati di essere mandanti ed esecutori materiali del duplice omicidio di Domenico Sebastiano e di Salvatore Bellofiore, assassinati nel rione Toiano di Pozzuoli, nel 1997. La massima pena era stata comminata a Salvatore Cerrone, Nicola Palumbo, Gennaro Longobardi e Gaetano Beneduce, tutti detenuti in regime di 41bis, questi ultimi due boss difesi dall’avvocato Domenico De Rosa.

Longobardi e Beneduce sono stati gia’ condannati per associazione a delinquere di tipo camorristico nell’indagine sul mercato ittico di Pozzuoli del 2000. Il collegio difensivo era composto anche dagli avvocati Antonio Abet, Valerio Accorretti, Claudio D’Avino, Luca Gili e Stefano Sorrentino.

Il duplice omicidio determino’ l’ascesa, nel potere criminale di Pozzuoli, per Longobardi e Beneduce, quest’ultimo l’unico che non avrebbe preso parte, per problemi di vista, al raid a colpi di fucili calibro 12 caricati a pallettoni.

“Il processo e’ da rifare, davanti alla Corte di Appello di Napoli, – commenta l’avvocato Domenico De Rosa – e questa decisione conferma la necessita’ di essere sempre attenti alla qualità delle dichiarazioni rese dei collaboratori, in questo processo nel sono stati coinvolti oltre una decina”.

Faida di Pozzuoli, la Cassazione annulla 4 ergastoli di Redazione Cronache / Cronache della Campania

Ultime News

TI POTREBBE INTERESSARE
NEWS

Napoli, evaso arrestato a Bagnoli

Napoli. Stamattina gli agenti del Commissariato Bagnoli, durante il...

Attacco hacker all’Agenzia ambiente della Campania “Dati non compromessi”

Attacco hacker all’Arpac, l’Agenzia Regionale Protezione Ambientale Campania: e’...

Rione Alto, ruba tavole da ponteggio: arrestato

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Arenella, durante il...

Napoli, scarico merci selvaggio al Corso Vittorio Emanuele. Scompare la fermata del bus

Napoli. “Non bastava la sosta selvaggia, adesso anche lo...